le immagini di cucina senza glutine

Ravioli di ricotta e spinaci

ricetta di daniela

per vedere la foto più in grande clicca qui                      

 ravioli di ricotta e spinaci pronti per cucinare Ingredienti (per circa 14 dozzine di ravioli)
per la pasta: per il ripieno Far bollire gli spinaci, scolarli e strizzarli bene. Quindi passarli con il passaverdura o tritarli nel mixer insieme alla ricotta, al parmigiano, all'uovo e alle spezie. Mescolare bene il tutto e lasciar riposare.
Preparare la pasta secondo il procedimento della pasta all'uovo, tenendola un po' più morbida di quanto richiesto per le tagliatelle o le lasagne. Quando si è ottenuta una palla di pasta, avvolgerla nella pellicola per alimenti in modo che non si secchi e lavorarne piccole quantità alla volta (con un po' di pratica, si impara quanta pasta corrisponde ai due fogli necessari per preparare uno stampo di ravioli).
Si stende la piccola quantità di pasta (con la macchina fino al penultimo scatto) in modo da avere due fogli piuttosto sottili, più lunghi della lunghezza dello stampo per ravioli.
Si appoggia uno dei fogli sullo stampo, lasciandolo piuttosto morbido, in modo che si adagi negli incavi dello stampo. In ogni incavo si mette un cucchiaino di ripieno, quindi si appoggia sopra il tutto il secondo foglio di pasta e si preme, prima con le mani, poi passandoci il matterello.
(A questo punto si può usare un piccolo trucco per evitare che i ravioli si rompano durante la cottura: con una punta molto sottile si pratica un piccolissimo foro in ogni raviolo, così che l'aria possa uscire e non faccia "scoppiare" il raviolo in cottura).
Una volta "sigillati" i ravioli, si gira lo stampo, si appoggiano i ravioli sulla spianatoia e si tagliano passando la rotella taglia-pasta lungo le linee tratteggiate. I ravioli si appoggiano poi su un vassoio coperto da un canovaccio da cucina e si lasciano riposare fino al momento della cottura. Intanto si procede con il resto della pasta.
È bene riutilizzare i ritagli di pasta immediatamente, reimpastandoli con un po' di pasta non ancora usata, in modo che la pasta non si secchi troppo.
È possibile che dopo un po' i ritagli diventino troppo duri e difficili da lavorare; in questo caso si possono lavorare con le mani bagnate, inumidendoli con un po' d'acqua, ma se la cosa diventa troppo complicata è,meglio non riutilizzarli per i ravioli e farci invece dei maltagliati o delle tagliatelle.
I ravioli così preparati si cuociono in acqua bollente salata per pochi minuti e si servono con burro fuso e salvia.
Naturalmente lo stesso procedimento vale per qualsiasi tipo di pasta ripiena, con diversi ripieni e diversi condimenti possibili...





visite alla pagina   6135
visite al sito   dal          13.06.03 al 30.06.04   : 15 801




   loghetto vai alla homepage
   loghetto vai ai primi